Get Adobe Flash player

Incentivi fiscali 2010

Incentivi fiscali 2010

Decreto Incentivi 2010: al via le procedure di registrazione per i rivenditori

 
martedì 06 aprile 2010

Avvio in due fasi per l’erogazione degli incentivi previsti dal decreto 40/2010: a partire da oggi, 6 aprile, sono attive le procedure preliminari per i rivenditori, mentre i bonus per i consumatori e le imprese saranno erogati a partire da giovedì 15 aprile. La scelta di procedere attraverso due fasi è motivata dalla volontà di evitare disordine e congestione nei primi giorni utili, anche in virtù del fatto che l’esiguità delle risorse coinvolgerà in molti casi le imprese e i consumatori interessati in una sfida all’ultimo bonus.

La procedura prevede che i venditori si registrino in un apposito elenco tramite un call center ad hoc gestito da Poste italiane (numero verde 800.556.670) mentre, per gli abbonamenti a internet veloce, gli operatori delle telecomunicazioni dovranno registrarsi tramite invio telematico utilizzando l’indirizzo e-mail contributi.bandalarga@postecert.it .
Dal 15 aprile sarà invece possibile beneficiare dei bonus previsti dal decreto per le dieci tipologie di beni interessate, dai motocicli agli elettrodomestici e agli immobili ad alta efficienza energetica.
In linea di principio gli incentivi saranno disponibili fino alla fine del 2010, ma in ogni caso saranno interrotti ad esaurimento delle risorse disponibili, pari a 300 milioni di euro.
Il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola ha comunque annunciato che a breve sarà disponibile un portale telematico per aiutare consumatori ed imprese ad usufruire degli incentivi.

Scarica decreto incentivi 2010

Scarica la mappa incentivi 2010

Scarica le informazioni sugli sconti irpef da inserire in dichiarazione su: Frigo, congelatori, mobili, Tv e pc.

Translator

Ultimi articoli

Studio Carletti

1 settimana 1 giorno fa

Ordinanza 14 Novembre 2017.

Con l'ordinanza del 14 novembre 2017, vengono disciplinate le modalità per la concessione delle agevolazioni previste dal decreto Terremoto n. 189/2016 per il ripristino e il riavvio delle attività economiche operanti nelle zone colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017 di Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria.

Possono essere ammesse alle agevolazioni le iniziative di micro, piccole e medie imprese, danneggiate dai terremoti del 2016 e 2017, che risultino già presenti e operanti nei territori dei Comuni ammissibili alla data dei succitati eventi sismici.
Sono ammissibili alle agevolazioni i programmi di spesa non superiori a 30.000 euro. Tali programmi possono riguardare:
attrezzature, macchinari, impianti e allacciamenti, inclusi mezzi mobili, strettamente necessari e correttamente dimensionati in base al ciclo di produzione;
beni immateriali a utilità pluriennale, ad eccezione di brevetti licenze e marchi;
lavori edili di manutenzione ordinaria entro il limite massimo del 10% del valore degli investimenti ammessi.
I programmi di spesa devono essere:
a) avviati successivamente alla data della dichiarazione di inagibilità;
b) realizzati entro 18 mesi dalla data di comunicazione del provvedimento di ammissione.
Le agevolazioni consistono in un finanziamento agevolato senza interessi del 100% della spesa ammissibile, della durata massima di 10 anni, più 3 anni di preammortamento.